63. “Senza filtri”

25 settembre 2012

Il mio capo sul braccio del divano nel salotto

si brucia i neuroni con l’immaginazione.

Canzoni vagamente allegre

sottoscrivono questa pazzia

dello star sveglia a fumarmi il cervello con te,

che ti trovi nell’emisfero destro capovolto.

Le ombre sempre più fioche sulla tappezzeria

narrano la storia della notte sempre più inoltrata,

e io ti vedo comparire nel tuo corpo, nudo,

come un dio greco di quelli che studiavo a scuola.

Ti ho sentito che premevi su di me

quella sola volta

sopra un sedile di chissà quale colore,

e poi il tuo dito tra le mie labbra.

Imbambolata nella tua bocca seppi solo baciarti la faccia,

io, maliziosa bambina che ora rivive la suggestione

di quei latenti inviti a un amore carnale.

La visione di te su una sedia

mi invogliava a rovinare il tuo bel gioco al videogioco:

ho sempre voluto spogliarmi su di te.

Conservo con cura una cannuccia rosa

di un tuo drink estivo,

la quale avevo preso per me dal tuo bicchiere

barattando la tua saliva con la mia plastica verde menta.

A me non piace la menta, a te non si addice il rosa.

Banale pretesto per succhiare un po’ del tuo sapore.

E nello spazio secco tra un ricordo e l’altro,

mi bagno un po’ di calde invenzioni mentali,

concedendo a me stessa gratuite storie di erezioni.

Nella mia fervida fantasia notturna

hai trovato la barriera impenetrabile dei miei collant

nero velato, e non hai saputo resistere

a quell’ingombrante divieto d’accesso sulle mie cosce.

Non saprei dire quanto l’intensità di queste mie parole

ti potrebbe sconvolgere.

Avresti dovuto assaggiarmi allora,

quando ero dessert delle tue giornate.

Quando i miei desideri di gioia li scrivevo negli occhi

e non sulla carta. Invece

hai resistito a ogni carezza che la mia pelle emanava,

hai scelto di negarmi l’amore

e hai preferito una puttana.

Però ricordo bene ogni tuo avvicinamento:

le tue mani che mi salutavano la schiena

le sentivo più del vento.

E sapevo che cosa volevano fare,

percepivo la loro voglia di poter rimanere.

Ma poi io ti avrei reso mio, e tu

non mi avresti più saputo salutare.

.
.
.
[Questa è la seconda di tre poesie che viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda]

38. “Bastardo”

30 novembre 2011

Bastardo. Mi hai fatto entrare in casa tua.

Mi hai fissato con quegli occhi pieni di sesso. A lungo.

Cosa volevi? Che fossi io a spogliare te?

Non ti bastava la mia presenza lì, sulla tua sedia?

La mia corta gonna chiamava le tue piccole mani.

Non la sentivi gridare?

Tu, intenditore di suoni. Tu, abile poeta della chitarra.

Possibile che fossi sordo? fermo?

Eri una statua dalla forma di uomo,

un sultano su quel divano di pelle.

Solo i nostri sguardi si sono toccati.

Incontrati a metà strada,

hanno fatto l’amore per un breve istante.

Poi ho deciso di voltarmi.

E non ti ho fatto più entrare.

 

Non penso si ricordi di te.

Sai, a dire il vero si è già scordato.

Perché è facile dimenticare l’amore

che è troppo amore

o un bacio che è troppo baciato.

Meglio la mediocrità manifesta delle pianure,

che le montagne a confronto vivono troppo in alto.

Si perdono nelle tue insonnie

i sogni che non hanno tetto;

piovono giù per le scale

fino a toccare terra

ed essere calpestati dalla polvere,

irrespirabile e irreprensibile.

Sputa la verità che trattieni in gola

come sigillo di una bugia

più grande del tuo stomaco malandato.

E c’è Debussy che per caso ti fa compagnia

nella notte che è quasi mattina

e sopra divani che sono quasi spiagge,

per te che tutto si collega a una canzone.

L’unica luce è un artificio di falsità,

il sonno un’astratta entità,

il tempo un pendolo che non va.

Senza contrasto e senza ritegno

il dolore ha la faccia di un insonne:

bianca e spenta lucidità

che meno dorme e meno sa

distinguere l’inganno dalla realtà.

E si ammira con fedeltà

sul riflesso sommesso della sua sedentarietà,

dimora di ovvietà

che finora e fino a sempre

abiterà.

  Leggi il seguito di questo post »