Stanotte ho fatto una scoperta: tu hai una forma.

Essa si appisola sul letto. A volte sorride. A tratti si sposta il ciuffo,

sempre con lo stesso gesto della mano.

Di tanto in tanto parla, con piccoli intercalari in lingua straniera,

a passo di jazz, sulla stregua dei versi del piacere.

Improvvisamente scoppia a ridere, in una risata sonora,

e breve, tanto quanto l’illusoria percezione

del tempo passato dall’ultima volta che te l’ho sentita creare.

Costantemente ascolta, e segue il ritmo con la bocca.

In certi momenti sembra che essa pensi,

ma quello che pensa, chissà.

Poi mi guardi dritto negli occhi, puntando gli occhi all’obiettivo.

Quel tuo sguardo un po’ perso nel vuoto,

che ho sempre amato come opera d’arte vivente,

si ripropone alla mia vista, fissandomi a sua volta.

Ti rileggo gli occhi e ogni riga della faccia.

E’ quell’espressione che preannuncia qualcosa di buono.

E a me viene voglia di mangiarti, come per un cucchiaio

il suo dolce. Mi gusto ogni tuo sapore,

attraverso uno schermo che però è inodore.

Alla fine sposto lo sguardo:

il tuo è amabilmente perso.

Il mio, invece, guarda inesorabile nel vuoto.

Annunci

Buio, sonoro come quello di un cinema.

Odio il buio del cinema perché so che in quel buio

non ho nulla da trovare.

Se cerco una mano, non c’è nessuna mano da carezzare.

Se una spalla, nessuna spalla su cui poggiare.

Mi posso voltare, e voltandomi sognare,

ti potrei guardare senza sapere di immaginare.

E’ notte a tutte le ore in queste sale,

mentre uno schermo riflette luce da interpretare.

Lei è stella, tu sei firmamento,

lei è vera, tu sei solo un intento.

Perché le sue storie hanno corpi, forme di esseri umani,

le tue sono corti, come dall’oggi al domani.

E se intorno osservi la gente

ti avvedrai ancor più di quanto tu non hai niente,

se non una triste felicità per un uomo che non sarà mai qua,

per un amore che ti respingerà e che ti logorerà.

Voi, che d’essere amati avete il privilegio,

pensate mai di svelarne il sortilegio?

Perché se si tratta di magia, apprendista mi farei.

Se di trovare la via, bussola diventerei.

Non vantatevi di quanto avete conquistato,

di quanti baci avete dato.

Perché la vostra felicità

è il negativo della nostra tetra verità.